L’antichità classica nel pensiero medievale

Im Rahmen der deutschen Arbeitsprojekte sind neulich zwei Aufsätze erschienen:


Mario Meliadò, «La teologia delle scuole filosofiche antiche: Eimerico di Campo e la dossografia del “Centheologicon”», in Alessandro Palazzo (a cura di), L’antichità classica nel pensiero medievale, Porto, FIDEM (TEMA 61), 2011, 385-412.

Silvia Negri, «La quaestio „De salvatione Aristotelis“ del tomista Lamberto di Monte», in Alessandro Palazzo (a cura di), L’antichità classica nel pensiero medievale, Porto, FIDEM (TEMA 61), 2011, 413-440.

Der Sammelband L’antichità classica nel pensiero medievale enthält ausserdem Aufsätze von N. Bray, G. Briguglia, G. Fioravanti, F. Forte, G. Gambale, G. C. Garfagnini, A. Palazzo, C. Panti, L. Parisoli, G. Piaia, D. Quaglioni, T. Ricklin, A. Rodolfi, F. Siri, C. Steel, M. Trizio. L. Tromboni, L. Valente.


Beschreibung des Herausgebers:

Il patrimonio della cultura classica, nei suoi molteplici aspetti (dalla filosofia agli auctores letterari, dal diritto alla mitologia, ecc.), ha alimentato, tra «continuità» e «rinascite», in forme varie e differenziate a seconda dei luoghi e dei tempi, delle discipline e degli autori, l’universo intellettuale del Medioevo, al punto che ricostruire le fortune dell’«Antichità classica nel pensiero medievale» significa di fatto tracciare le vicende del sapere medievale. Questo è stato l’argomento del XIX convegno della Società Italiana per lo Studio del Pensiero Medievale (SISPM) i cui atti vengono pubblicati in questo volume.
La raccolta di saggi offre uno spaccato della sopravvivenza della cultura classica nel Medioevo, esaminando una grande varietà di questioni, di autori, di fonti e di generi letterari, toccando ambiti storico-culturali differenti, adottando numerose prospettive metodologiche e proposte teoriche. Seppur prevalenti, filosofia e teologia non sono le uniche discipline rappresentate nel volume, che ha anzi tra i suoi caratteri distintivi l’apertura multidisciplinare: accanto a contributi di contenuto filosofico e teologico, infatti, ve ne sono altri nei quali viene indagata la ricezione di componenti del patrimonio culturale classico quali la mitologia, la poesia e il diritto romano, nei quali i protagonisti del confronto con l’Antichità classica non sono i filosofi o i teologi, bensì i letterati e i giuristi medievali.


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *